bacheca cassa geometri info professione normative

CASSA GEOMETRI: NIENTE ISCRIZIONE D’UFFICIO PER IL PROFESSIONISTA OCCASIONALE O DIPENDENTE

QUANDO OCCORRE ISCRIVERSI ALLA CASSA GEOMETRI – L’art. 22 della L. 20/10/1982, n. 773 (Riforma della Cassa nazionale di previdenza ed assistenza a favore dei Geometri), dispone – coerentemente al complessivo quadro normativo in materia di obblighi previdenziali a carico dei liberi professionisti vigente – che:
– l’iscrizione alla Cassa Geometri (Cipag) è obbligatoria per tutti gli iscritti agli albi professionali dei Geometri che esercitano la libera professionale con carattere di continuità, se a loro volta non iscritti ad altra forma previdenziale obbligatoria (ad esempio INPS o INPGI, in dipendenza di un’attività di lavoro dipendente);
– viceversa, l’iscrizione alla Cassa è facoltativa per gli iscritti agli albi dei Geometri che esercitano la libera professionale con carattere di continuità, se iscritti a forma di previdenza obbligatoria (ad esempio all’INPS o all’INPGI) o beneficiari di altra pensione in conseguenza dell’attività da loro svolta, anche precedentemente alla iscrizione all’albo professionale.
Secondo la legge che ne regola il funzionamento, in pratica, sono obbligati a iscriversi alla Cipag solo i professionisti che esercitano la professione con continuità e non abbiano già una diversa forma previdenziale obbligatoria.

LE NORME DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DELLA CIPAG – Tuttavia, il regolamento della Cassa approvato nel 2003, all’art. 3, ha previsto l’estensione dell’obbligo di iscrizione e di versamento dei contributi a tutti gli iscritti agli albi professionali esercenti la libera professione, anche senza carattere di continuità (ed anche in presenza di un’altra forma previdenziale obbligatoria), introducendo di fatto una vera e propria presunzione relativa di esercizio della professione per tutti gli iscritti all’albo dei Geometri. Tale presunzione – sempre secondo le disposizioni di autoregolamentazione emanate dalla Cipag – è valida fino a prova contraria, che l’interessato è chiamato fornire tramite una autodichiarazione da presentarsi entro termini perentori.
Il professionista che, probabilmente anche inconsapevole dell’esistenza di queste normative, avesse omesso di rendere la dichiarazione nei tempi prescritti, veniva iscritto d’ufficio alla Cipag e chiamato al pagamento, per tutti gli anni di iscrizione all’albo, del contributo obbligatorio (minimo obbligatorio, soggettivo ed integrativo).

LA GIURISPRUDENZA DI MERITO – Le disposizioni di autoregolamentazione della Cipag sopra illustrate sono state sovente interpretate dalla giurisprudenza di merito (Tribunali, Corti d’Appello) come legittime, sul presupposto dell’esistenza di una autonomia della Cassa stessa, derivante dall’art. 3 del D. Leg.vo 30/06/1994, n. 509(Trasformazione in persone giuridiche private di enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza), che definisce l’autonomia ordinamentale delle casse “privatizzate” (tra cui la Cipag).

LE NORME DELLA CIPAG SONO ILLEGITTIME SECONDO LA CASSAZIONE – Sul punto è però intervenuta Cass. 22/02/2019 n. 5375, la quale ha chiarito che l’autonomia degli enti previdenziali privatizzati può esprimersi esclusivamente nella variazione delle aliquote contributive, nonché nella riparametrazione dei coefficienti di rendimento o di ogni altro criterio di determinazione del trattamento pensionistico. Detta autonomia non può viceversa spingersi ad introdurre una deroga a leggi dello Stato, nella fattispecie all’art. 22 della L. 773/1982, ridefinendo le regole relative all’iscrizione alla Cassa ed eliminando le categorie degli iscritti facoltativi, ossia di coloro che – iscritti all’albo professionale e fruendo di altra forma tutela previdenziale – possono scegliere di essere o non essere iscritti anche alla Cipag.
Sulla base della menzionata sentenza risultano illegittime le pretese della Cipag di iscrizione alla Cassa e versamento dei contributi, nei confronti dei Geometri che esercitano la professione in maniera non abituale, o anche in maniera abituale ma in costanza di altra forma previdenziale obbligatoria.

 

fonte: http://legislazionetecnica.it/node/3118548?fbclid=IwAR1HLmRGSgHCe_XuqLDyAdD9QjR81lyKzyC1c2jgH0xRUPloThQX67kkpc4

Lascia un commento